BLOG

Pronti, Partenza…Via! Obiettivo Motivazione

"Da Lunedì mi iscrivo in palestra": quante volte avete detto o sentito pronunciare questa frase? Alla base di questa decisione c'è la motivazione.

Siamo all’inizio di una nuova stagione. Tutto riparte e i buoni propositi non mancano: “devo iscrivermi in palestra. Quest’anno lo faccio! Lunedì inizio, lo giuro!”. Quante volte vi sarà capitato di pronunciare o sentire pronunciare parole simili?

Eppure, per iniziare una nuova avventura, magari proprio in palestra, serve una cosa sola: la motivazione.

La motivazione spinge ognuno di noi verso un obiettivo, un’ambizione più o meno specifica. Le palestre, oggi, sono un luogo d’incontro, di socialità, dove è possibile trovare quello che più fa al caso nostro. Dai professionisti agli amatori, fino ai neofiti, ognuno di noi ha l’opportunità di trovare il proprio spazio e costruire un’immagine diversa di sé.

Ci sono tante motivazioni che spingono una persona a frequentare una palestra: la voglia di gareggiare e competere con gli altri e con se stessi, la necessità di curare un infortunio o un problema fisico, la ricerca di uno stile di vita sano tramite l’allenamento e una dieta bilanciata, il semplice desiderio di cambiamento oppure il bisogno di isolarsi e scaricare tensioni e problematiche della vita quotidiana. C’è anche chi vuole passare il tempo in compagnia e condividere le proprie esperienze.

A questi importanti e validi motivi ne aggiungiamo due che assumono, secondo noi, un significato ancor più rilevante: un aumento delle prestazioni fisico sportive con programmi mirati e studiati nel tempo e la necessità di trovare personale qualificato capace di affrontare problematiche fisiche ed esigenze personali.

Qualunque sia il motivo di questa decisione, ora, non resta che trovare il luogo adatto.

QUALE PALESTRA SCEGLIERE.

Ogni centro è diverso dagli altri. Le grandi catene offrono ciò che la moda del momento impone e tendono a mettere in secondo piano il rapporto con l’utente/cliente. Le cosiddette palestre low cost sono sì molto appetibili, ma il servizio offerto rimane limitato a quel prezzo, che tenderà a salire vertiginosamente se si vorranno aggiungere servizi extra.

Eppure c’è un’altra strada che una parte sempre meno consistente dei Centri e delle palestre offrono, ma che rimane la via maestra: una maggiore qualità in termini di rapporti con la clientela e che, allo stesso tempo, abbia un costo contenuto e commisurato ai servizi offerti.

l'istruttore di sala: la tua figura di riferimento.

Quando si entra in una palestra è facile rimanere disorientati, specie la prima volta, mentre si cerca di capire cosa ne sarà di noi. La prima figura con la quale il cliente si interfaccia immediatamente è l’Istruttore di Sala, che si prenderà cura del nuovo arrivato, ma aiuterà anche l’amatore o l’atleta di turno nell’esecuzione di un esercizio.

L’istruttore di Sala è una figura a disposizione di tutta la clientela (per questo è diversa dal Personal Trainer) e dovrà essere capace di far prendere confidenza al cliente con gli attrezzi e con tutti quei meccanismi di base che fanno parte dell’attività fisica, come la costanza degli allenamenti e un’alimentazione corretta.

Dopodiché, conoscerà gli obiettivi, la disponibilità di orari e lo stato di forma del cliente. Lo step successivo sarà la redazione di una scheda di allenamento che sarà spiegata al meglio, in modo che, nel corso del tempo, si vadano a migliorare le specifiche richieste.

In questo modo, il principiante crescerà consapevole di ciò che sta facendo e, se interessato ad una preparazione mirata, cercherà figure diverse a cui affidarsi (Personal Trainer, piuttosto che preparatore atletico, etc.)


Carichi di motivazione e sapendo quale palestra scegliere, non resta che preparare la borsa ed iniziare! Abbigliamento comodo e calzature adatte all’attività sono fondamentali, ma ricordiamo che, sudando, avremo bisogno anche di un asciugamano (sempre obbligatorio, mi raccomando!).

Servono ancora due cose importanti per il rientro in palestra: la volontà e l’educazione. La prima è quella che ci farà andare avanti nei momenti difficili di stanchezza o di perdita di motivazione; l’altra permette di non disturbare chi, come noi, sta cercando di raggiungere i propri obiettivi.

Dopo questi primi consigli, non ci resta che augurarvi un buon percorso insieme ed un buon allenamento!

Edoardo Dodo Baiardi

Istruttore B&G – Dott. in Scienze Motorie

ARTICOLI RECENTI